Andare a vivere in una casa di paglia, impossibile? Non proprio!

15 luglio 2016
Insert alt text here

Costruire una casa di paglia, magari inizialmente come piccola abitazione per le vacanze in montagna o casetta per una località balneare, non è soltanto un’utopia. Al giorno d’oggi alcune persone abbracciano questa scelta di vita economica e sostenibile per diverse ragioni, vediamo qui di seguito quali sono le principali motivazioni.

Innanzitutto è bene essere a conoscenza del fatto che una buona percentuale delle emissioni nocive di gas nell’atmosfera è da attribuire alle pratiche invasive e per nulla ecologiche di quelli che vengono definiti moderni sistemi di edilizia. Una casa di paglia potrebbe essere una delle soluzioni per mantenere sempre contenute queste emissioni dannose per l’ambiente, che con il tempo contribuiranno in maniera notevole a distruggere il prezioso sistema terra. Realizzare un’abitazione di questo tipo è oggi possibile grazie ad aziende specializzate che rendono molto semplice la creazione di questa particolare casa. I materiali utilizzati, neanche a dirlo, sono tutti di origine naturale, la base della struttura viene costruita in legno e la paglia fa sia da isolante che da parete vera e propria. Contrariamente a quanto si possa pensare un materiale come la paglia garantisce uno scambio termico ottimale, è inoltre un ottimo isolante e nel complesso contribuisce a portare la nostra abitazione ad una classe A. Tutto ciò senza considerare il fatto che molto spesso le materie prime per la realizzazione di questa speciale casa si trovano a chilometro zero, portando in definitiva ad un netto risparmio sia dei costi energetici sia delle classiche spese di costruzione e gestione di un edificio.

Solitamente le balle di paglia sono spesse almeno 45 centimetri, questa dimensione consente di avere un ottimo isolamento acustico e permette inoltre di evitare ogni creazione futura di dannose muffe o forme di condensa alquanto sgradevoli. Diversamente da quanto potrebbe accadere utilizzando come materia prima ad esempio il fieno, la paglia non produce alcun tipo di allergia, quindi in definitiva si può anche definire una casa a prova di allergie. Naturalmente questa è una scelta abbastanza forte, da fare magari come prima passo se si possiede una seconda proprietà e magari adattandosi lentamente al nuovo stile di vita si potranno provare con mano i reali benefici.